L’On. Antonino Germanà ha depositato in data odierna un’importante interrogazione parlamentare che riportiamo di seguito.

La nostra categoria, lo diciamo da anni ma ormai siamo al collasso, non può più sostenere il pesante carico contributivo e una tassazione assurda ed anacronistica. E’ concreto il rischio di non poter più sostenere la nostra attività lasciando a casa non solo le nostre famiglie ma anche i 945 nostri dipendenti e collaboratori per un totale di 1395 posizioni lavorative e indotto.

Auspichiamo che l’intervento Antonino Germanà porti celermente a soluzioni concrete perché non c’è più tempo da perdere.

“GERMANÀ. — Al Presidente del Consiglio dei ministri, al Ministro del lavoro e delle politiche sociali, al Ministro per i beni e le attività culturali. — Per sapere – premesso che:

   la Società italiana autori ed editori (Siae) opera sul territorio nazionale attraverso circa 450 agenti mandatari con i quali stipula un contratto di mandato disciplinato dagli articoli 1703-1736 del codice civile;

   il mandato che viene conferito agli agenti mandatari Siae, prevede le seguenti funzioni principali:

    1) rilasciare permessi/autorizzazioni ed incassare i relativi compensi spettanti agli autori ed editori per le opere affidate e amministrate dalla Siae;

    2) cooperare con la Siae in materia di imposta sugli intrattenimenti prevista dal decreto del Presidente della Repubblica n. 640 del 1972;

    3) assicurare la cooperazione per l’accertamento dell’iva;

    4) cooperare con la Siae in forza delle convenzioni stipulate dalla stessa con le case di distribuzione cinematografica;

    5) cooperare con la Siae in forza della convenzione stipulata con l’Agenzia delle dogane e dei monopoli di Stato per il reperimento e l’acquisizione di tutti gli elementi utili per il censimento ed il controllo degli apparecchi da divertimento e intrattenimento di cui all’articolo 110 del Tulps e cui all’articolo 14-bis del decreto del Presidente della Repubblica n. 640 del 1972;

   nella sostanza l’agente mandatario Siae svolge due attività principali:

   agente della riscossione dei diritti di autore, punti 1 e 4 del mandato;

    agente di accertamento per conto dello Stato, poiché dai rilievi effettuati nello svolgimento delle sue funzioni di cui ai punti 2-3-5 scaturiscono accertamenti tributari e conseguente attività di riscossione da parte dello Stato stesso;

   nel definire le attività principali è stata utilizzata la parola «agente» nell’accezione generale del termine, cioè colui che a titolo professionale rappresenta un’organizzazione e promuove e/o conclude operazioni per conto dell’organizzazione stessa e quindi svolge un’attività di agenzia. Lo svolgimento ottimale dell’attività svolta dal mandatario Siae richiede, oltre all’impiego di soggetti in possesso di specifiche capacità professionali personali, l’organizzazione e l’impiego di risorse umane e strumentali tipiche dell’attività d’impresa;

   l’ufficio del mandatario Siae, per il raggiungimento degli obiettivi della società, deve possedere un’organizzazione tipica d’impresa e impiegare, previa accurata selezione e formazione continua, adeguato personale amministrativo di supporto, personale di supporto nelle attività di controllo e verifica del territorio, macchine e strumenti elettronici. Nello specifico l’agente Siae agisce come una impresa satellite dell’impresa madre mandante esclusivamente su un territorio assegnato. L’agente mandatario Siae è obbligato dalla stessa ad avere un ufficio aperto al pubblico, con giornate e orari di apertura settimanali che variano in base alla grandezza del territorio esclusivo assegnato; tutti gli uffici hanno l’obbligo di utilizzo della stessa insegna esposta al pubblico, l’obbligo di raggiungimento di obiettivi minimi di controllo e presidio del territorio, nonché l’obbligo di essere muniti di autovettura;

   la figura dell’agente Siae è perfettamente analoga agli agenti di commercio, assicurativi e finanziari. Questi ultimi si occupano della vendita di beni immateriali «prodotti finanziari, prodotti assicurativi»; gli agenti mandatari della Siae si occupano anche della vendita di beni immateriali quali prodotti musicali, cinematografici, teatrali e altro –:

   se non si ritenga opportuno adottare le iniziative di competenza, anche normative, affinché il contratto tra Siae e i soggetti preposti al presidio territoriale, in nome e per conto della medesima società, attualmente rubricati come mandatari, attualmente inquadrata come rapporto di «mandato» ai sensi degli articoli 1703 e seguenti del codice civile e disciplinato dalla circolare Inps n. 83 del 28 marzo 1997, sia inquadrato più propriamente come contratto di agenzia in base agli articoli 1742 e seguenti del codice civile, con conseguente attrazione, dal punto di vista previdenziale, al regime previsto dalla cassa di previdenza ed assistenza degli artigiani e commercianti, in luogo della attuale iscrizione alla gestione separata.”

Categories:

Tags:

Comments are closed

Seguici su Twitter
Calendario
Marzo: 2020
L M M G V S D
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031